2021 – E’ risorto l’antifascismo

Non ho avuto modo di conoscere molto Rachele negli anni scorsi. Abitando all’estero non ci sono state molte occasioni di incontrarci. E’ mia zia, ma essendo lei più giovane di me è una cosa che non le piace: preferisce dire che siamo cugini, e anche io lo preferisco. 
Ciò che mi ha sempre colpito di lei è la sua umiltà e la pacatezza. E’ una persona buona, di cuore, che si è sempre impegnata in quello che ha fatto. Come ad esempio lo ha fatto questi ultimi 5 anni di consiliatura capitolina, dopo essere stata eletta una prima volta in una lista civica legata a FdI con circa 600 preferenze. Ho avuto modo di incontrarla una volta nel Campidoglio e una nel suo ufficio in via del Tritone un paio di volte, sempre di corsa presa da mille incombenze. Ho seguito le sue attività da consigliera, apprezzandone l’impegno profuso. 
E poi ci sono state le recenti elezioni amministrative a Roma, e Rachele Mussolini è stata la candidata col maggior numero di preferenze, più di 8.000. Apriti cielo, è iniziata la caccia alle streghe da parte della sinistra e variegato mondo a loro collegati. Attacchi personali e sessisti, mai sui programmi o il suo operato politico.
Basta leggere lo sproloquio di Gramellini nella sua rubrica sul Corriere della Sera del 7 u.s., dove non pago di insinuare che sia stata votata solo per il cognome, postula arditamente che sia merito anche del nome, e che sia stata votata da chi rimpiange il Duce. Come se la sua elezione fosse prodromica a una nuova marcia su Roma, cent’anni dopo la prima…
Secondo molti esponenti della sinistra, una persona che si chiami Mussolini non dovrebbe candidarsi alle elezioni (è successo sovente anche a me), e se la votano in tanti è sicuramente per il cognome (o nome), mica perché è capace, ha lavorato bene o si è impegnata. Loro sono i pontificatori in SPE, quelli che dall’alto della loro saccenza con sicumera giudicano cosa sia lecito, oppure no.  E guai e contraddirli: la democrazia, della quale ne esaltano le virtù a ogni piè sospinto, vale solo quando a loro fa comodo. Da Sempre per loro valgono i “due pesi e due misure” – mentre a destra non è così – e dalla sinistra, perennemente attenta al politically correct e al sessismo, faccio notare che non si è alzata nemmeno una flebile voce a difesa di Rachele per gli ignobili attacchi subiti.
Ogni volta che si avvicinano le elezioni, lo spettro dell’onda nera ricompare puntuale come la marea. L’antifascismo in assenza di fascismo è l’unica cosa che gli rimane. Non hanno idee, non hanno proposte politiche. Sono alieni che hanno da tempo perso il contatto con la realtà delle periferie fatta di persone e lavoratori che faticano ad arrivare a fine mese. Quelle che invece Rachele conosce bene e che l’hanno votata a Roma. 
Concludo dicendo che ha ragione Rachele nel rispondere ai tanti padri confessori – pronti a elargire l’assoluzione che la renda libera – che “parlare di fascismo è un discorso troppo lungo”. Invero non è solo lungo. E’ complesso, ampio, vasto, eterogeneo e va contestualizzato a quel periodo storico. E Il tutto è reso ancora più difficile dalla mistificazione in atto oramai da troppi anni. Urge trovare una visione condivisa del passato per poter pensare finalmente al futuro del nostro martoriato paese, per il bene dei nostri figli. Si cercano volenterosi a sinistra.
Caio Giulio Cesare Mussolini
1 commento
  1. Carla Clerici
    Carla Clerici dice:

    Due diverse sensazioni nel leggere quanto scritto, descritto da Caio, nei cui confronti nutro incommensurabili stima e ammirazione.
    L’esserci, nonostante la distanza.
    L’analizzare oggettivamente gli accadimenti a dimostrazione di quanto, molto raro, intelligenza e buon senso, possano manifestarsi con l’umilta’ nonché la semplicità che lo contraddistingue.
    Le due diverse sensazioni?
    Coraggio e Determinazione a difesa dell’essere Resilienti nel non cedere all’ignoranza e a tutto ciò che essa genera.

    Grazie, come sempre, Caio.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *