Close

Seduta del 22 gennaio 1979

È antifascismo anche un colpo di pistola alla nuca sparato da un agente di polizia contro un giovane di destra. La vittima è Alberto Giaquinto, diciassette anni; l’assassino è un sistema politico tutto intero che protegge, fino al processo, l’autore del delitto. È una emblematica vicenda di regime: dalla morte di Alberto (al termine di una manifestazione organizzata per commemorare il primo anniversario della strage di via Acca Larenzia) fino alla Corte di Cassazione, che addirittura prescrive il reato per il tempo trascorso invano. Anche per il sistema uccidere un fascista non è reato?

L’assassinio di Alberto Giaquinto

ALMIRANTE: “Signor Presidente, onorevoli colleghi, onorevole ministro, questo dibattito esprime lo squallore, il grottesco e il dramma della situazione del nostro paese in questo momento sotto l’egida di quella che, con efficacia dispregiativa, il popolo italiano chiama ormai 1’«ammucchiata».

La logica dell’«ammucchiata» l’abbiamo testé udita attraverso la parola del presidente del gruppo parlamentare del Partito comunista, il quale ha dimenticato evidentemente, come penso abbiano dimenticato i gruppi parlamentari del Partito socialista, del Partito socialdemocratico e del Partito repubblicano, che questa formula di Governo e di maggioranza, con tutte le responsabilità anche programmatiche e orientative e non soltanto esecutive che le competono, è nata, per la sventura d’ Italia, nel mese di luglio del 1976, attraverso la corresponsabilità della non sfiducia, per perfezionarsi poi, il tragico 16 marzo 1978, con il voto di fiducia ad un Governo, ad un programma e ad una linea di azione squallida. La logica della «ammucchiata» è questa. Nei momenti gravi, quando i nodi di sangue, di danaro, di vergogna o di omicidio vengono al pettine, la logica dell”«ammucchiata» è quella di lasciare sola la Democrazia cristiana; la logica della Democrazia cristiana è quella di lasciare solo il Governo; la logica del Presidente del Consiglio è quella di lasciare solo il ministro responsabile. Se il ministro è più furbo o più cinico, come lei, fa pagare un alto funzionario, se viceversa il ministro è meno furbo o meno cinico, come un suo predecessore, al tempo della fuga di Kappler, è il ministro che paga.

Questa è una vergogna, mi si permetta di dirlo, è uno schifo: ed è lo squallore dell’ ammucchiata», che riunisce tutti, non a titolo personale, certo, ma come uomini politici e come responsabili di Governo e di maggioranza. Pertanto, quando il presidente del gruppo parlamentare del Partito comunista, uno dei massimi responsabili della situazione, fa il giudice, il suo cinismo è talmente ripugnante che sono felice che i deputati comunisti siano usciti, come al solito, in omaggio ad una parola d’ordine che respinge non il Movimento sociale italiano-Destra nazionale, ma la verità, che ha quei sepolcri «imbiancati» di rosso, e che dispiace sentirsi dire.

Quanto al grottesco, signor ministro, me la cavo con una battuta: lei forse non si è accorto, e non se ne è accorto neanche il Presidente del Consiglio che ha assistito alla prima parte della seduta, che l’arbitro della vita del Governo oggi non è né Berlinguer né Craxi, ma Giannettini. Se scappa Giannettini, cade il Governo, se Giannettini non scappa, è molto probabile che il Governo resti in piedi. Poiché i comunisti non vogliono la crisi (e tutti lo sappiamo); poiché i comunisti ed i socialisti ed anche gli altri partiti dell’«ammucchiata», tranne forse qualche settore della Democrazia cristiana, non vogliono le elezioni anticipate (e tutti lo sappiamo); io penso che in questo momento Giannettini sia custodito sul serio, perché arbitro della vita o della morte di questo Governo.

Ma del grottesco, cioè del caso Ventura, io intendo parlare pochissimo, perché altro è l’argomento del mio intervento. Intendo parlare pochissimo su questo argomento per ricordare a me stesso, e ai banchi, che il Ventura si è sempre professato socialista durante tutto il corso del processo di Catanzaro e che si è professato socialista anche attraverso confermati legami che, per amore della documentazione, della buona memoria, io rilevo attraverso un’interrogazione che fu presentata dal nostro gruppo, e per esso anni or sono dall’onorevole Niccolai nella precedente legislatura: un’interrogazione che chiedeva di «sapere se sia esatto che Piero Comacchio, uomo vicino al segretario nazionale del Partito socialista» che era allora, lo dico di sfuggita, non importa, l’onorevole Mancini «amministratore della ERI-RAI TV, la casa editrice della RAI-TV, ha fondato insieme a Ventura la casa editrice Lithopress». Perché ricordo questa interrogazione che ebbe la solita risposta deludente (si disse che il segreto istruttorio impediva di …)? Non abbiamo mai avuto risposta, ma erano tutte cose vere. Perché, allora, la ricordo questa sera? Perché ho letto sui giornali che un misterioso camioncino, appartenente ad una casa editrice, era comparso al momento della fuga di Freda, poi scomparso e ricomparso adesso.

Io vorrei dare una mano ai suoi servizi di informazione, signor ministro, ammesso che esistano: perché non si informano se il misterioso camioncino appartenesse ad una casa editrice a suo tempo gestita dal Ventura insieme a qualche grosso esponente del Partito socialista? Vogliamo andare a vedere? Mi pare che potrebbe essere interessante. Questa mia semplice considerazione le dice, signor ministro, che siamo veramente al grottesco, siamo al grottesco con pesantissime responsabilità. Per congedarmi dal caso Ventura, voglio ricordare a tutti che, se Ventura è scappato (e vi sono le responsabilità obiettive, come si dice), vi è una responsabilità pregressa: lei sa, signor ministro, chi ha dato una mano a Ventura perché scappasse, sa chi ha creato le condizioni necessarie, e in fin dei conti sufficienti, perché Ventura scappasse e perché Freda, prima di lui, scappasse? Un certo Valpreda. Eh, sì; lei non era ministro dell’Interno allora, ma il signor onorevole Andreotti era Presidente del Consiglio quando, se non sbaglio verso la fine del 1972, la cosiddetta «legge Valpreda» venne presentata da quel Governo (presieduto dall’onorevole Andreotti), che non era un Governo monocolore democristiano, come una legge giusta e valida. Ecco le conseguenze di quella legge, che oggi vengono denunziate da tutta la stampa di regime!

Ho letto sul Corriere della sera, in questi giorni, a firma di un uomo della Resistenza, Leo Valiani, un articolo contro il permissivismo legislativo di questi ultimi anni, che avrei potuto (chiedo scusa a Leo Valiani e alla Resistenza, per carità!) sottoscrivere. Quindi, attenzione ad andare alla ricerca delle responsabilità. Quanto ai mandanti, infatti, onorevole ministro, «grattate» vicino invece di cercare lontano. Vi ricordo Manzoni e la monaca di Monza: grattate vicino! Del nostro gruppo fa parte l’onorevole generale Miceli. Se non sbaglio, la sua testimonianza a Catanzaro è servita a far dare un anno di carcere ad un malizioso generale di nome Malizia, molto vicino al signor attuale Presidente del Consiglio. Grattate vicino se volete scoprire i mandanti di potere, perché si è trattato di una strage di Stato e perché si continua ad uccidere in nome dello Stato. Questa è la realtà, è questo il collegamento tra il grottesco ed il drammatico al quale mi riferisco! E l’anello di congiungimento tra il grottesco ed il drammatico l’ ho qui, signor ministro! È la seconda volta, nel giro di quattro anni, che porto a conoscenza di un ministro dell’Interno (la volta scorsa si trattava dell’onorevole Taviani) un fatto inaudito: che si stampa cioè, si pubblica e si vende liberamente il giornale delle Brigate rosse! Il giornale in questione è Controinformazione. Quello in mio possesso è l’ultimo numero uscito, se sono ben informato. Se lo procuri! Se lo procuri per i motivi che dirò. Faccia presto! O se lo faccia procurare dai servizi di informazione. Non credo che l’agenzia ANSA le darà questa notizia; non può, perciò, affidarsi alle normali informazioni. Ripeto, se lo procuri, onorevole ministro. Lo faccia perché ella va, insieme a tutti i responsabili, incontro ad una denunzia da parte nostra. Le spiego subito i motivi.

Comincio con leggerle l’indice di questa pubblicazione, una parte dell’indice, le cose più interessanti. A pagina 18: «Le lotte autonome contro ogni ghetto Intervista a Daniele Pifano». Ho avuto altre volte motivo di fare il nome di Daniele Pifano. Lo feci in piazza, a Roma, due giorni dopo l’assassinio di un nostro ragazzo: Mario Zicchieri, di 17 anni. Ho denunziato in piazza il signor Pifano, come mandante dell’omicidio, dovuto a mio avviso (non ho i servizi di informazione, che d’altronde non ha nemmeno lei) al «Collettivo di via dei Volsci». Nel nome del «Collettivo di via dei Volsci», di cui si è fatto finta di chiudere la sede (costoro continuano, infatti, ad agire e ad operare), si sono commessi molti delitti, a Roma, in questi ultimi anni. Il signor Pifano è stato recentemente assolto con formula dubitativa per le sue gesta al Policlinico di Roma. Il signor Pifano dicevo è in libertà e l’altro giorno parlava a Radio città futura. Teneva lui banco, durante il corteo. Parlava lui, perché è un libero propagandista! Ma questo è niente. Ed il fascicolo in mio possesso dimostra che egli è collegato alle Brigate rosse. Ed ancora, a pagina 46: «Carceri speciali, documenti e testimonianze: carcere di Cuneo, carcere di Fossombrone, carcere di Trani, carcere di Favignana, carcere dell’Asinara, carceri femminili, carceri di Pianosa». In questo fascicolo sono, dunque, contenute le norme e le istruzioni per evadere dalle carceri speciali. C’è tutto, tutto è spiegato. Vi sono le cartine, dettagliatissime. C’è tutto, tutto in modo assoluto; ed è fatto da tecnici, i quali, evidentemente, sono quelli delle Brigate rosse. Ma si vende liberamente questa pubblicazione! Ancora, a pagina 72: «Lotta armata in Italia: documenti, programmi e tesi delle organizzazioni politico-militari». L’articolo 18 della Costituzione, onorevole ministro, non esiste, è vero? Per carità, non lo si deve applicare! Continuate a non applicarlo! «Documenti, programmi e tesi delle organizzazioni politico-militari. Brigate rosse: risoluzioni della direzione strategica, febbraio 1978. Elementi sulla fase iniziale e sullo sviluppo della lotta armata in Italia», poi i nomi: Pasquale Abbatangelo, Domenico Delli Veneri, Giorgio Panizzari. «Giornale della brigata d’assalto Dante Nanni», «Organizzazione comunista combattente Prima linea»: sono quelli che hanno ammazzato ieri quel povero giovane a Torino.. «Nuclei armati per il potere operaio».

Credete che si tratti di una pubblicazione clandestina? No. C’è il comitato di redazione, che è costituito da Antonio Bellavita in testa. Questi è in Francia, ma attraverso questa pubblicazione annunzia che continua nel suo lavoro di direzione, dal momento che in Francia non hanno concesso l’estradizione. Quando il fuoruscitismo brigatista otterrà gli stessi riconoscimenti che ottenne un altro fuoruscitismo, l’Italia se lo vedrà ministro, no? Sono grossi meriti, questi. Poi, insieme a lui, Erminio Gallo, Maurizio Greco, Gaetano Tavoliere, Francesca Ventricelli, Giovanni Zamboni: ci sono, quindi, ostentatamente i responsabili di questa pubblicazione. È indicata pure la tipografia: «Stampa a cura della grafica editoriale “La Virgola”, via Acquedotto greco 70, Catania, con i tipi della “Alfa grafica SGROI”, via Santa Maria della Catena 87, Catania». C’è l’indirizzo della redazione, infine: «Corso di porta Ticinese 87, Milano», il numero di conto corrente, intestato a Controinformazione.

Le dicevo, signor ministro, ho denunziato un’altra volta la stessa cosa, quando era ministro dell’Interno l’onorevole Taviani. Sa perché denunziai la stessa cosa? Perché era uscito anche allora un numero di Controinformazione, un numero speciale, uscito nel mese di luglio del 1974, dopo il primo duplice crimine delle Brigate rosse, che il 17 giugno 1974 assassinarono a Padova, nella nostra sede provinciale, due cittadini italiani, signor ministro, che non erano teppisti poi parleremo di quelli che ella definisce teppisti, ma due cittadini italiani, un giovane, Giralucci e un anziano pensionato, Mazzola, che avevano l’unica colpa di essere nella sede della loro federazione provinciale alle 9 del mattino, per fare il loro dovere. Assassinati, con il colpo alla nuca, dai brigatisti rossi, i quali, nel numero di luglio di questo sporco giornale, non soltanto rivendicarono il duplice delitto, ma lo raccontarono nei particolari. Dopo di allora, niente! La magistratura, le autorità, nulla! Tentarono è una vergogna che è stata denunziata in un magnifico articolo di Bartoli vanamente, ma impunemente, di far credere che si fosse trattato di una faida in casa missina. Lo si tentò, persino, dopo il rogo dei fratelli Mattei, qui a Roma. Vergogna! Schifo! A questo punto siamo arrivati!

Nel luglio del 1974, gettando sul banco del Governo cosa che questa sera mi risparmio di fare quel numero di giornale, credetti di poter raggiungere qualche risultato. Credetti che il ministro, gli alti funzionari del Ministero si muovessero. Nulla, assolutamente. E nei momenti più pesanti ritorna questa sinistra pubblicazione.

E passiamo, signor ministro, alla tragedia di Roma. Come ella ha visto, ho rinunziato a svolgere le nostre interpellanze ed ho preferito parlare in sede di replica: coltivavo una speranza. Coltivavo la speranza che ella non ripetesse quello che aveva detto qualche giorno fa al Senato. Questo, insieme a quanto ha ripetuto qui alla Camera, ci muove all’indignazione, non solo alla protesta. È vergognoso quello che ha fatto. È ancora più vergognoso perché ella, oggi, è stato in grado di dire una cosa nuova. È una cosa positiva, che noi speravamo si verificasse: ella oggi ha annunziato che il Procuratore generale ha ritenuto di mandare avanti gli atti. Che significa questo fatto, importante e positivo, di mandare avanti gli atti in ordine alle responsabilità dell’agente che ha assassinato, con un colpo alla nuca, il giovane Giaquinto? Significa che il Procuratore della Repubblica ritiene che non vi sia stato uso legittimo delle armi, lo ritiene dopo una prima e sommaria istruttoria, ma lo ritiene, sicché è ancora più vergognoso, signor ministro, ma anche più incauto, più imprudente perché più scoperto, più manifestamente complice dell’assassinio, quello che oggi ci è venuto a dire. Come si fa a ripetere la versione che le hanno fatto leggere in Senato? Il questore di Roma, carico solo di acidità e di responsabilità, lo tenete ancora in servizio. Si caccia il capo della polizia perché è scappato Ventura, ma il questore di Roma, che ha tentato di infangare la figura di un giovane assassinato, il questore di Roma che avalla ed incoraggia il colpo alla nuca, il questore di Roma che è complice di un assassinio, deve stare al suo posto. Il signor ministro viene qui e ripete a pappagallo quello che gli ha detto, mentendo, il questore di Roma, e quando dico mentendo, lo dico con il concorso di tutta la stampa italiana, ivi compreso Paese Sera e tutta la stampa di regime: non c’è giornale che non abbia reagito di fronte alla madornale menzogna della questura di Roma.

Prima di passare alla ricostruzione dei fatti, vorrei, signor ministro, porre una domanda. Posso capire che all’inizio, terrorizzato per le conseguenze politiche e personali di quanto era accaduto, il questore di Roma abbia potuto diffondere una voce falsa, ma non posso capire che a distanza di due settimane si insista nella menzogna, si insista nel dire che il ragazzo aveva un’arma, si insista nel dire che il ragazzo avesse minacciato il sottufficiale che gli ha sparato, il che era impossibile stando al risultato delle perizie, ed è ritenuto impossibile da tutta la stampa italiana, da tutti coloro che si sono occupati di ciò. Perché, da parte della questura di Roma, si insiste, e, cosa più grave, si insiste anche da parte del Ministero dell’interno? Non perché si voglia coprire qualcuno, bensì perché si vuole ricattare qualcuno. Voi avete paura dell’interrogatorio dell’assassino, avete paura che per coprirsi egli scopra altri. Il questore di Roma ha paura di questo processo che si farà e nel corso del quale verrà fuori la verità.

Signor ministro, le dico qualcosa che la questura di Roma le ha taciuto e che bisogna che l’opinione pubblica sappia. Le hanno fatto mentire persino quando le hanno fatto dire in Senato che il ragazzo era stato immediatamente soccorso e trasportato in ospedale. Il ragazzo è stato lasciato per 20 minuti sulla strada, egli non era morto, bensì agonizzante. Se fosse stato portato immediatamente in sala di rianimazione, un miracolo si poteva verificare, se ne sono verificati in casi del genere. So di dire una cosa atroce, che non avrei voluto dire, ma voi ci costringete a rivelare anche questo. Le dico poi una cosa ancora più grave. Mentre i familiari erano stati avvertiti ed erano corsi in ospedale, il signor questore di Roma chiedo scusa, il questore di Roma ha disposto una perquisizione in quella casa sapendo che i familiari non c’erano era presente solo un custode, e la perquisizione è stata effettuata da un maresciallo e da due agenti, con un metodo di cui mi vergogno, io che ho sempre difeso la polizia come istituto. Mi sono sempre rifiutato di dire «sbirri», ma questa volta lo devo dire: con un metodo sbirresco, imposto dal capo sbirro il questore di Roma hanno rovistato nella casa e mentre rovistavano ho le testimonianze dirette che porteremo avanti codesti poveri sciagurati, che adempivano un triste mestiere, telefonavano di tanto in tanto alla questura e dicevano: la pistola non la troviamo! Dalla questura si rispondeva: dovete trovarla!

Cercavano una pistola, che dovevano trovare, perché doveva risultare anche questo; bisognava infangare la famiglia, non soltanto il ragazzo; bisognava dimostrare che era un pericoloso bandito. Vergogna!

Si accertino questi fatti; si sarebbero dovuti accertare prima. Ma che razza di ministro dell’Interno è un ministro che ripete il mattinale della questura, di una squalificata questura, di uno squalificato questore, quando ci sono dei ragazzi assassinati? Lei ha persino avuto il coraggio di dire che noi abbiamo fatto del vittimismo a questo riguardo. Del vittimismo? State a sentire. L’anno scorso, tra il 28 dicembre ed il 7 gennaio, ci hanno ammazzato – mi si permetta di dire «ci hanno ammazzato», perché mi sento padre di questa famiglia, come segretario di questo partito quattro ragazzi, purtroppo non soltanto i due assassinati il 7 gennaio davanti alla sede di via Acca Larentia; c’è anche un altro ragazzo, assassinato il 7 gennaio nello stesso luogo, e un altro giovane assassinato il 28 dicembre, pochi giorni prima. Vittimismo? Che abbiamo fatto, signor ministro? Abbiamo riempito Roma di manifestazioni, di comizi, di cortei? Cosa abbiamo fatto, abbiamo mobilitato l’opinione pubblica? Si sono letti appelli di intellettuali? Ma per carità! Si trattava di quattro tipi di destra, lei avrebbe detto «quattro teppisti». Che cosa abbiamo fatto? Abbiamo chiesto, un anno dopo gliel’ ho chiesto io personalmente di poter celebrare un corteo silenzioso; e nel momento in cui lo chiedevo al sottosegretario per l’Interno, all’onorevole Darida, gli chiarivo che il corteo sarebbe stato preceduto dai parlamentari e dai massimi esponenti del partito per garantirne la correttezza; che non vi sarebbe stata alcuna speculazione; gli spiegavo che non volevamo tenere comizi, perché i comizi sono di pessimo gusto quando si tratta di dare la parola a chi ha dato il sangue. Dopo di che ci avete fatto aspettare giorni e giorni; e voglio dirlo perché è vero, e lei non lo può smentire ci avete detto di sì, nell’imminenza della giornata che stava per giungere; e ci avete detto: «Andate dal questore per concordare con lui le modalità». Ci siamo andati, e ci siamo sentiti dire da quel tipo che, finché lui fosse rimasto al posto di questore di Roma, cortei non se ne sarebbero fatti mai. Faccia tosta; faccia di bronzo, abbiamo scritto nel manifesto; altro che faccia di bronzo! Il corteo, infatti, è stato vietato; e non abbiamo voluto tenere, per rispetto a quei morti, un comizio che sarebbe sfociato certamente in disordini, data la eccitazione naturale dei giovani e dati gli ordini provocatori che il questore lo si è visto aveva già impartito ai reparti da lui dipendenti.

Non esistono squadre speciali? Signor ministro, non so come le chiamiate. Il collega De Cataldo ha ricordato e non dico che mi faccia piacere, anzi mi addolora, perché si tratta di morti un precedente che non avrei potuto con la stessa autorità e sincerità di testimonianze ricordare io: Walter Rossi (colpo alla nuca) e Giorgiana Masi (sembra, colpo alla nuca). Vittimisti noi, signor ministro? In memoria di Walter Rossi decine di nostri ragazzi sono stati incarcerati, sono stati processati, sono stati assolti per non aver commesso il fatto o perché il fatto non sussisteva; e sono stati perseguitati, direi scientificamente, con tutta una serie di ingiuriose imputazioni. Si è cominciato ad incriminarli per omicidio premeditato, poi il reato si è declassato a concorso in omicidio, poi concorso morale in omicidio, poi rissa aggravata, poi… niente. E nel frattempo voi non volete dare il nome del brigadiere assassino? Ma il nome del nostro iscritto Lenaz non fu dato in pasto alla stampa, all’opinione pubblica, agli avversari politici? Ed egli aveva un alibi, che poté dimostrare: era lontano da Roma 180 chilometri. E stasera, finalmente, sento parlare qui di colpo alla nuca da parte dello Stato nei confronti di Walter Rossi, per gettare noi allo sbaraglio. State molto attenti nel trattare da teppisti i nostri ragazzi e nel trattare noi in questo modo, perché non ci stiamo.

Dopo il delitto, ma soprattutto dopo le prime menzogne della questura di Roma a questo riguardo, ho fatto una pesantissima dichiarazione alla televisione, che ha suscitato le proteste di una parte della stampa di regime e soprattutto dei partiti di estrema sinistra, Partito comunista in testa. L’Unità mi ha dedicato un corsivo in prima pagina: «Il caporione fascista minaccia!». Bene, non a titolo di minaccia, per carità, ma a titolo di avvertimento e di chiarimento, ripeto quelle dichiarazioni qui in Parlamento e uno dei motivi per i quali ho desiderato parlare era proprio questo con estrema chiarezza. Sono il segretario del Movimento sociale italiano-Destra nazionale, partito nato 32 anni or sono, che ha onoratamente vissuto alla opposizione quasi tutta, posso dire tutta, la sua vicenda politica, nel bene e nel male, sbagliando o a ragione. Siamo rimasti in numero minore di quelli che legittimamente entrarono in quest’aula e nell’aula del Senato a seguito delle elezioni del 20 giugno 1976, ma proprio questo essere rimasti in numero minore ed i motivi per i quali siamo rimasti in numero minore mi consentono di dire, onorevole ministro, che a questo partito dovete guardare con attenzione e con rispetto, anche perché non avete nulla da darci e non abbiamo nulla da darvi, se non la nostra seria e responsabile partecipazione alla vita politica del nostro paese; non avete nulla da darci, lo ripeto. Non abbiamo mai partecipato alla lottizzazioni, che piacciono tanto a voi, ai vostri amici, ai vostri scherani, ai vostri complici, ai vostri mercenari. Ed allora parliamoci chiaro. Ritenete di poterci tenere, ritenete di poter tenere questo partito, non solo nella sua classe dirigente ma nella sua gioventù che c’è, alla faccia vostra! al di fuori delle norme della convivenza umana e civile? Ritenete di non potere dar luogo a giustizia per quanto ci riguarda, perché questo noi reclamiamo (non privilegi ma giustizia)? La giustizia se lo ricordi, onorevole ministro, nell’esercizio della sua funzione è la sola alternativa alla violenza. Non ne esistono altre. È inutile parlare di pacificazione. No, la giustizia ci vuole! I giovani questo vogliono, a questo hanno diritto. E parlo dei giovani, non dei nostri soltanto, dei giovani puliti, che ci sono, in ogni senso, in ogni direzione; ci sono tanti giovani puliti, ci sono milioni di giovani puliti i quali vogliono giustizia. Ebbene, in nome dei giovani, nostri ed altrui, noi vogliamo giustizia e non molleremo, onorevole ministro. Che cosa credete di fare? Tenerci fuori perché siamo il partito fascista? Avanti!

All’ordine del giorno, da tempo immemorabile, giacciono le richieste di autorizzazione a procedere a questo riguardo contro di noi e mi dicono secondo la relazione democristiana particolarmente contro di me. Avanti, che cosa aspettate? Oppure vi fa comodo ritenere di poterci tenere sotto questa cappa di piombo e continuare a parlare il linguaggio equivoco di una «violenza di destra», che non avete quasi mai il coraggio di dire missina, ma che, definendola «di destra», attribuite a noi per lo meno come complici morali o come mandanti? Coraggio! Avanti! Giudicateci, processateci!

Il Presidente del Consiglio era in aula il 24 maggio 1973, quando cominciò questo sporco gioco contro di noi come ricostitutori del partito fascista. Ve lo ricordate? L’aula era piena allora, perché non si trattava di fare giustizia né di dare pace al popolo italiano, ma si trattava di far ripiombare il popolo italiano in un clima di guerra civile. C’eravate tutti allora; ed il Presidente del Consiglio Andreotti riteneva di fare una grossa cosa mandandoci sotto processo. Sono passati degli anni: avanti, coraggio! Coraggio, e tenete presente che non vi consentiamo e non vi consentiremo di confonderci con i terroristi di destra o i violenti di destra, se per avventura esistono, se si tratta davvero di sigle, di targhe, di etichette, di ambienti che possano essere definiti, sia pure genericamente, di destra. Ne dubitiamo, ma se per avventura si tratta di ambienti che possano essere definiti di destra e che pratichino la violenza fino al terrorismo, io non ho che da ripetere quello che ho detto alla televisione: sono i nostri peggiori nemici e sono i vostri migliori alleati, vostri e soprattutto dei comunisti! Ricordatevelo, e fate attenzione perché state facendo la fine degli apprendisti stregoni. Ritenete di avere messo in moto questo meccanismo infernale contro di noi, ma si sta ritorcendo contro di voi. Cadono i nostri ragazzi, e me ne duole infinitamente. Cadono ragazzi di sinistra o di altre parti; me ne duole altrettanto, ma cominciate a cadere anche voi, perché siete marci, in questo meccanismo di corruzione indotta, di viltà contagiosa, di menzogna invereconda!

Ecco, signor ministro, quanto avevo da dirle questa sera con tutto il mio ed il nostro disprezzo nei confronti del Governo e anche nei confronti degli uomini che ai vostri ordini si comportano come hanno osato comportarsi nei confronti dei nostri eroici ragazzi.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *