“Un risultato straordinario col simbolo della fiamma. Nostro padre sarebbe orgoglioso”

Elezioni 2022, figlie di Almirante: “Vittoria Meloni onora i nostri genitori”

“Un risultato straordinario che omaggia e rende onore al padre della destra italiana Giorgio Almirante e a sua moglie Assunta Almirante”. Interpellate dall’Adnkronos le figlie Giuliana e Marianna de’ Medici esprimono le loro emozioni in merito alla vittoria elettorale di Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia. “Per Giorgio Almirante – dice Marianna de’ Medici – il grandissimo successo col voto di voto di oggi avrebbe significato il compimento di un percorso, e anche per mia mamma, Donna Assunta, sarebbe stata felicissima, soprattutto per premiare il lavoro di questa ragazza che ha molto creduto nelle sue idee: credere nelle proprie idee è importantissimo. Giorgio Almirante da bambina mi diceva che la costanza viene sempre premiata”.

“Le idee – sottolinea ancora Marianna de’ Medici – quando sono belle e sincere e vengono dal cuore sono sentite e sono quindi eterne. Un successo così è plateale ed è dovuto anche alla negligenza e al cattivo governo da parte degli altri. Gli italiani si sono resi conto che non si va da nessuna parte continuando a governare in maniera assurda”.

“Questa è una vittoria storica. Va riconosciuto a Giorgia Meloni di aver portato il partito a risultati incredibili. Quello che voglio far notare è che questo risultato straordinario è stato raggiunto col simbolo della fiamma”, dice all’Andrkronos la sorella Giuliana de’ Medici , segretario nazionale della Fondazione Giorgio Almirante. Quando Giorgia Meloni nel suo discorso dopo la vittoria ha fatto riferimento alle persone che sono scomparse e meritavano di godersi questo risultato, faceva riferimento “non solo a mia mamma – osserva – ma a tutti coloro che hanno fatto sacrifici, che hanno lottato e che sono morti. Credo mio padre sarebbe contento di vedere la fiamma: il lavoro dei nostri padri è stato un lavoro che non ha avuto le stesse soddisfazioni, ma tutti i mattoni che hanno messo hanno permesso alle nuove generazioni di raggiungere qualcosa di molto importante”.

10 commenti
  1. Alessandro Ziccarelli
    Alessandro Ziccarelli dice:

    Il mio primo pensiero è stato per Giorgio Almirante e la sua famiglia oltre che per tutti gli altri che non ci sono più. Ma principalmente Giorgio che ho conosciuto e a cui ho stretto la mano tre volte e che non dimenticherò mai.

    Rispondi
  2. Claudio Neve
    Claudio Neve dice:

    Giorgia Meloni ha meritato di vincere ma non deve dimenticare di ricordare e celebrare “sistematicamente” i nostri morti a cui deve in maniera sostanziale il suo successo. E inoltre nel suo cammino sia più ideologica.Per il prossimo 25 aprile si adoperi a fare diventare la festa della pacificazione nazionale di ” tutti gli italiani e non il giorno dell’ odio dei pseudo vincitori contro i vinti.

    Rispondi
  3. Michele Beozzo
    Michele Beozzo dice:

    Giorgio Almirante oggi sorride e brinda come nel 1985 per il risultato di Bolzano. Tuttavia se fosse lui stesso al posto di Giorgia Meloni, saremo noi tutti in festa .

    Rispondi
  4. Marco Albonico
    Marco Albonico dice:

    E’ impossibile per chi, come me, della Fiamma tricolore si è innamorato a 14 anni (oltre trent’anni fa), non emozionarsi nel trovarla ancora presente nella scena politica italiana. Ma attenzione: non è semplicemente un simbolo, rappresenta un patrimonio di ideali e valori che non deve andare sprecato! E guai se venisse tradito! Deve essere amato e conservato con passione ed entusiasmo, e sempre difeso con coraggio. Mi auguro che FdI, ora che è al governo, si proponga come un partito senz’altro conservatore quando si parla di tradizioni, di Patria e d’identità nazionale, ma sempre assolutamente sociale quando si parla di economia. Questo è fondamentale! Confido nel fatto che Giorgia Meloni segua questa strada! Ho voluto dare fiducia di nuovo alla destra italiana, dopo la cocente avuta da AN. Mi auguro di cuore che, questa volta, le mie speranze non vengano disattese.

    Rispondi
  5. Nicoletta Quinziato
    Nicoletta Quinziato dice:

    Nell’ultimo discorso di Giorgia Meloni c’è stato un passaggio che mi ha fatto tornare indietro di 45 anni, lo stesso ardore di Giorgio Almirante….. “ Noi con le scarpe piene di fango ma con le Mani Pulite” Questa è la destra e spero con tutto il cuore che Giorgia Meloni mantenga la coerenza e la serietà che ha avuto in questi anni. Con la Fiamma nel cuore per accenderne mille altre.

    Rispondi
  6. Cristian Viglione
    Cristian Viglione dice:

    Da Giorgio e Giorgia.
    Generazioni che ci uniscono nella fede e nella patria.
    Il mio pensiero commosso e grato a Giorgio e a tanti delle loro generazioni che hanno lottato mai domi, in mezzo a tante difficoltà con grinta e tenacia, affinché noi oggi possiamo essere abbagliati da quella torcia che non si è mai spenta.
    Avanti tutta!

    Rispondi
  7. Domenico Malaspina
    Domenico Malaspina dice:

    Caro Giorgio, c’avresti mai creduto se t’avessero raccontato che una tua nipotina, che per ironia della sorte si chiama Giorgia, dopo aver raccolto le ceneri nelle quali qualcuno aveva ridotto quanto da te ricostruito con tanta fatica, avrebbe portato il partito ad essere il PRIMO, il più votato ? ? ?
    Non credo, eppure una piccola – grande donna c’è riuscita, malgrado tutto e tutti i suoi tanti detrattori.
    Sono sicuro che anche tu lassù sarai EMOZIONATO e COMMOSSO come me che ho avuto la fortuna di vivere questo eccezionale ed incredibile successo.
    Come si dice, chi semina bene raccoglie buoni frutti e questi saranno sicuramente ottimi per il futuro di questo Paese. Io penso che non ci avresti scommesso un euro, Ops volevo dire una lira, ma non avresti mai smesso di crederci…
    Ciao Giorgio e grazie . . .💚🤍❤

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *